È lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente?

Il datore di lavoro può rivolgersi ad un investigatore per accertarsi circa il comportamento fraudolento di un lavoratore e accertarsi se la patologia certificata dal medico costituisce un reale impedimento allo svolgimento della prestazione lavorativa?

La risposta è sì!

La Corte di Cassazione – sez. lavoro, infatti, ha diverse volte affermato (in ultimo si veda sent. 17113/2016) che le disposizioni dello Statuto dei Lavoratori “non precludono che le risultanze delle certificazioni mediche prodotte dal lavoratore, e in genere degli accertamenti di carattere sanitario, possano essere contestate anche valorizzando ogni circostanza di fatto – pur non risultante da un accertamento sanitario – atta a dimostrare l’insussistenza della malattia o la non idoneità di quest’ultima a determinare uno stato di incapacità lavorativa, e quindi a giustificare l’assenza”.

Se quindi il datore di lavoro ha anche il semplice sospetto che il lavoratore stia ponendo in essere delle condotte che, in generale, possono pregiudicare il corretto adempimento della prestazione lavorativa, si può adoperare per prenderne conoscenza.

Pertanto far “pedinare” il dipendente assente per malattia è possibile anche nel caso in cui la commissione di atti illeciti o comunque irregolari è solo sospetta.

Ciò si basa sul principio per cui il lavoratore è tenuto a prestare la propria opera diligentemente per tutta la durata del rapporto lavorativo: il datore di lavoro ha il potere di verificare l’esatto adempimento degli obblighi del dipendente.

A tutto ciò esiste un limite però: l’investigatore opera lecitamente purchè non sconfini nella vigilanza dell’attività lavorativa (prevista e disciplinata dall’art. 3 e ss. dello Statuto dei Lavoratori).

Il datore di lavoro potrà inoltre decidere quando e come compiere i controlli, i quali potranno essere anche occulti.

Per maggiori informazioni o per essere ricontattato da un nostro consulente non esitare a scriverci

Annunci

8 pensieri su “È lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...