Malattia del lavoratore: chi paga?

Quando un lavoratore è in malattia, la sua retribuzione rimane invariata (entro certi limiti) anche se non si reca al lavoro.

A pagare per le giornate di malattia in alcuni casi è l’Inps, mentre in altri sarà il datore di lavoro.

Quando il datore di lavoro paga la malattia del lavoratore?

Esistono alcuni casi in cui la pagamento della malattia spetta al datore di lavoro, in tutto o in parte.

Ci sono diverse ipotesi:

  • Se la malattia si risolve entro 3 giorni lavorativi, questa è interamente a carico del datore di lavoro.

Quindi, in questi casi, il datore pagherà al 100% la retribuzione del dipendente però solo limitatamente alle prime 2 malattie dell’anno solare, mentre la terza è coperta al 66%, la quarta al 50% e dalla quinta in poi il datore di lavoro non è più tenuto ad alcun pagamento;

  • Se la malattia è più lunga, i primi 3 giorni (periodo di carenza) sono comunque a carico del datore di lavoro.

A ciò si deve aggiungere che, per particolari categorie di lavoratori, l’INPS non riconosce il pagamento della malattie, per cui subentrerà il datore di lavoro.

Queste categorie sono:

  • Impiegati, quadri e dirigenti, nel settore industria e artigianato;
  • Impiegati da proprietari di stabili, portieri;
  • Viaggiatori/piazzisti/rappresentanti;
  • Dipendenti di partiti politici e organizzazioni sindacali;
  • Dirigenti, inquadrati nel settore commercio;
  • Impiegati, operai e dirigenti, nel settore Credito, assicurazioni e servizi tributari appaltati.

Quando paga l’INPS in caso di malattia?

Come si comprende dal punto precedente, l’INPS non indennizza il periodo di carenza.

A ciò si aggiunge che non indennizza neppure:

  • Le festività che coincidono con il periodo di malattia per operai e apprendisti operai;
  • Le festività che cadono la domenica per gli impiegati del Terziario e per gli apprendisti dello stesso settore;
  • Le giornate di malattie che coincidono con il santo patrono.

 

Questo perché spetta al datore di lavoro la retribuzione in questi casi.

Ti potrebbe interessare anche:

E’ lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente?
Maturano le ferie in caso di malattia dei figli?

Per maggiori informazioni o per essere ricontattato da un nostro consulente non esitare a scriverci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...