Legge 104/92 e lavoro notturno.

Il lavoratore con a carico un figlio disabile, può chiedere di non essere adibito al lavoro notturno?


Quali lavoratori possono essere esonerati dal lavoro notturno?

La normativa vigente prevede alcune categorie di lavoratori che non possono essere obbligatoriamente adibiti al lavoro notturno:

  • Le lavoratrici in stato di gravidanza (Legge 9 dicembre 1977, n. 903);
  • Le lavoratrici madri di un figlio di età inferiore a tre anni o, alternativamente, i padri conviventi con le stesse (Legge 5 febbraio 1999, n. 25; D. Lgs. 26 marzo 2001, n. 151);
  • Le lavoratrici o i lavoratori che siano l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni (Legge 5 febbraio 1999, n. 25; D. Lgs. 26 marzo 2001, n. 151);
  • I lavoratori che “abbiano a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della Legge 5 febbraio 1992, n. 104” ( 42 e 53 Dlgs. 151/2001 e 115/2003)

Ma cosa si deve intendere per soggetto disabile “a carico”?

Il Ministero del lavoro, con la Risoluzione n. 4 del 6 febbraio 2009, ha fornito alcune precisazioni e, rifacendosi alle indicazioni della Legge 104/1992 (che pur non tratta di lavoro notturno), ha indicato che la definizione “a carico” vada ricollegata e resa omogenea a quanto disposto dalla quella norma a proposito della concessione dei permessi lavorativi.

Pertanto il disabile va considerato “a proprio carico” anche si fini dell’esenzione dal lavoro notturno quando il lavoratore presti a questi effettiva assistenza.

Che tipo di assistenza giustifica l’esonero?

Il Ministero del lavoro, con la Risoluzione sopra indicata, risponde a questo quesito riprendendo le indicazioni della Circolare INPS 23 maggio 2007 n. 90, ed adottando il principio che “tale assistenza non debba essere necessariamente quotidiana, purché assuma i caratteri della sistematicità e dell’adeguatezza rispetto alle concrete esigenze della persona con disabilità in situazione di gravità.”

Al soggetto assistito non è stata riconosciuto lo “stato di handicap in situazione di gravità” di cui all’art. 3 comma 3 L. 104/92. Posso chiedere comunque di essere esonerato dal lavoro notturno?

Dato che la normativa non richiede di dimostrare la connotazione di “stato di handicap in situazione di gravità” (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della Legge 104/1992), si può ritenere che anche nel caso di riconoscimento dell’handicap ai sensi dell’art. 3 co. 1 L. 104, si può chiedere l’esonero.

Ti potrebbe interessare anche:
Diritto al part time per i malati gravi. E se la malattia colpisse i figli del lavoratore?

Maturano le ferie in caso di malattia dei figli?

Permessi della Legge 104. Quanti giorni?

Le agevolazioni contenute nella Legge 104/92

Per maggiori informazioni o per essere ricontattato da un nostro consulente non esitare a scriverci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...